Sicurezza del territorio, Regione sotto accusa. De Luca in Costiera: “Governo ci aiuti”

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, si è recato in Costiera Amalfitana per un sopralluogo nelle località più colpite dalla tremenda perturbazione che ha messo in ginocchio la “Divina”. De Luca si è trattenuto in particolare nel tratto compreso tra Vietri e Capo d’Orso. Con il Sindaco di Cetara ha effettuato diversi sopralluoghi, dal luogo della frana che ha bloccato i collegamenti alle porte del Comune costiero, fino alla parte alta del paese dove si è verificato un altro importante evento franoso. A Cetara si registrano decine di micro-frane da monitorare, ma la priorità è costituita dagli interventi sulla viabilità stradale. “Siamo vicini, anche fisicamente, alle popolazioni e ai comuni colpiti dai danni del maltempo di queste ore – ha dichiarato il governatore – Abbiamo messo in campo tutte le risorse possibili per far fronte alle emergenze. Adesso dobbiamo impostare i programmi di medio-lungo periodo, per risolvere in maniera strutturale i problemi. É necessario per questo, dal punto di vista finanziario, il sostegno del governo, dei ministeri dell’Ambiente e delle infrastrutture: occorrono investimenti importanti di cui bisogna farsi carico insieme”.
Rimane la storica fragilità del territorio, per la quale occorre un piano di riassetto idrogeologico complessivo con investimenti molto importanti. “Una complessità che deve essere affrontata e condivisa dalla Regione Campania con i fondi europei, e dai ministeri dell’Ambiente e delle Infrastrutture – prosegue De Luca – Intanto segnaleremo subito al Governo lo stato di calamità che ha colpito l’intera Campania, con danni enormi all’economia, all’agricoltura, al turismo nel caso specifico della Costiera, anche e soprattutto in questo periodo festivo“.

Vincenzo De Luca in visita in Costiera Amalfitana

Intanto, a seguito dei gravi danni registrati in Costiera Amalfitana a causa del maltempo delle ultime ore, il Codacons ha annunciato una formale denuncia alla Procura della Repubblica di Salerno contro la Regione Campania, in cui si ipotizza la fattispecie di abuso di atti d’ufficio. Al centro dell’esposto dell’Associazione, la ripartizione dei fondi pubblici in favore degli Enti Locali e destinati alla messa in sicurezza del territorio, risorse che la Regione avrebbe ripartito in violazione delle normi vigenti, avvantaggiando alcuni Comuni guidati da soggetti che hanno legami con l’amministrazione regionale, a dispetto di altri comuni che avrebbero avuto diritto a godere dei finanziamenti.

“L’arbitraria assegnazione dei punteggi da parte della Regione Campania ha causato il mancato finanziamento di progetti relativi a interventi molto urgenti ad esempio a Cetara e Tramonti, comuni che proprio in queste ore hanno subito frane, esondazioni e altri danni ingentissimi a causa del maltempo, con grave rischio per la popolazione locale. Danni che con ogni probabilità si sarebbero potuti evitare nel caso in cui la Regione avesse finanziato i progetti presentati dai due comuni”.

Per tale motivo il Codacons si appresta a presentare un esposto per abuso di atti d’ufficio contro la Regione Campania in relazione ai danni registrati nelle ultime ore in Costiera Amalfitana, atto che va ad aggiungersi alle altre denunce presentate dall’associazione su tale scandalo e che hanno portato proprio ieri la Guardia di Finanza ad acquisire presso il Codacons, su ordine della dott.ssa Cassaniello della Procura di Salerno, le prove documentali circa la distrazione dei fondi pubblici.
L’associazione pubblicherà sul proprio sito web tutti i documenti attestanti gli abusi nella destinazione dei fondi regionali per la messa in sicurezza del territorio, e pubblicherà una azione risarcitoria collettiva alla quale potranno partecipare tutti i cittadini residenti in Costiera Amalfitana.