“Salva Salerno”, scatta la petizione per fermare il consumo di suolo. Dove firmare

Inizia la campagna di raccolta firme collegata alla proposta di iniziativa popolare per fermare il consumo di suolo “Salva Salerno”. Si chiede al Comune di Salerno, in occasione della revisione decennale del PUC, l’approvazione di un nuovo Strumento Urbanistico che riduca drasticamente le nuove costruzioni a Salerno ed il conseguente consumo di suolo sul territorio comunale. Il Piano Urbanistico Comunale, infatti, ha consentito la cementificazione di tutti gli spazi ancora liberi, determinando la più grave aggressione del territorio dal dopoguerra ad oggi. Salerno è uno dei primi comuni in Italia per consumo di suolo, nel solo 2018 si è registrata una percentuale pari al 34,6%, terza posizione in Campania dopo i “casi” di Napoli e Giugliano.

Ecco i prossimi appuntamenti per firmare:
Domenica 22 dicembre alle ore 11 al Bar Verdi di p.zza M.Luciani.
Venerdì 3 gennaio alle ore 19.30 a Marea via D. Galdi, 10.

La petizione per l’arresto del consumo del suolo la potranno sottoscrivere i cittadini maggiorenni residenti almeno da 5 anni a Salerno, come prevede il regolamento per gli istituti di partecipazione.