Salernitana travolta a Cittadella, Ventura ora traballa

Un incubo. Quello che sta vivendo la Salernitana e che la trasferta di Cittadella sembra aver inevitabilmente prolungato. Finisce 4-3 in favore dei padroni di casa al Tombolato, e l’ultima occasione è addirittura della formazione di Ventura, che però aveva precedentemente abbandonato il campo a gara in corso. Il pari, avrebbe avuto il sapore di una rimonta pazzesca, però forse anche immeritata. Perché per oltre un’ora di gioco il Cittadella ha preso letteralmente a pallonate la formazione del tecnico ligure, la cui panchina ora sembra quanto mai a rischio. Doveva essere la gara della rinascita, quella in terra veneta, iniziata tra l’altro con il vantaggio di Djuric, che al 22’ va in cielo per convertire in rete il cross di Lombardi, uno dei pochi a salvarsi.

Il gol scatena però la reazione dei padroni di casa, che all’intervallo ne mettono dentro tre. Diaw si fa beffe della retroguardia granata, segnando una doppietta intervallata dalla rete di Benedetti, che con un sinistro dalla distanza fulmina Micai.

Nella ripresa Ventura, che assisterà al resto del match seduto in panchina senza proferire parola alcuna, inserisce Maistro, prima, poi Cicerelli e Dziczek, anche se la reazione dei granata in veste gialla, avviene per mano di Lombardi. Prima disegna il cross al 78’ che Giannetti spinge in porta con una bella torsione aerea, poi si conquista il rigore, poco dopo diverse chance clamorose sprecate dal Cittadella, che Kiyine trasforma con freddezza all’81’. E proprio pochi minuti dopo l’abbandono di Ventura, mentre i tifosi contestano la società con cori di dissenso, un lancio dalle retrovie si trasforma in assist al bacio per Giannetti, che a tu per tu con Paleari ciabatta, dicendo addio ai sogni di rimonta della Salernitana. Che adesso deve affrontare una crisi ancora più nera. E dagli scenari tutti da decifrare.

CITTADELLA-SALERNITANA 4-3 

RETI: 21’ pt Djuric (S), 29’ pt e 42’ pt Diaw (C), 31’ pt Benedetti (C), 25’ st D’Urso (C), 33’ st Giannetti (S), 36’ st Kiyine su rig (S);

CITTADELLA  (4-3-1-2): Paleari; Ghiringhelli (27’ st Mora), Perticone, Adorni, Benedetti; Vita, Iori, Branca; D’Urso (37’ st Proia); Diaw, Rosafio (22’ st Panico). A disposizione: Maniero, Camigliano, Bussaglia, Rizzo, Luppi, Frare, Gargiulo, Pavan, Celar. All. Venturato.

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Billong, Pinto (17’ st Cicerelli); Lombardi, Akpa Akpro (1’ st Maistro), Di Tacchio (7’ st Dziczek), Kiyine, Jaroszynski; Giannetti, Djuric. A disp: Vannucchi, Lopez, Migliorini, Firenze, Jallow, Gondo, Cicerelli, Kalombo. All. Ventura.

Arbitro: Antonio Rapuano di Rimini (Soricaro/Ruggieri). IV uomo: Tremolada

NOTE. Ammoniti: Benedetti, Vita (C), Lombardi, Kiyine, Maistro, Jaroszynski (S); Angoli: 7-4; Recupero: 1’ pt – 5′ st; Spettatori: 4038 di cui 267 da Salerno.