Restrizioni, 87mila controlli nel salernitano. Pasqua, Cilento blindato

Prosegue in provincia di Salerno l’attività di monitoraggio e controllo del territorio finalizzata ad assicurare il rispetto delle prescrizioni introdotte per il contenimento e il contrasto alla diffusione del Covid-19 “Coronavirus”.

In particolare, dal 10 marzo al 7 aprile – nell’arco di circa un mese – sono stati controllati 87.000 cittadini, di cui 3.900 sono stati sanzionati per aver violato le disposizioni normative in tema di spostamento che, com’è noto, è consentito solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e urgenza.

Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, sono stati complessivamente sottoposti a controllo oltre 36.000.

Un impegno costante delle Forze di Polizia, statali e locali, con uno schieramento in campo di 500 pattuglie al giorno, tra personale della Polizia di Stato (Questura di Salerno, Commissariati e Specialità), Arma dei Carabinieri  (Comando Provinciale, Compagnie e Carabinieri Forestali), Guardia di Finanza (Reparto Terrestre e Navale), Polizie locali e Polizia Provinciale.

In vista dell’approssimarsi delle festività Pasquali, il dispositivo di controllo del territorio è stato ulteriormente intensificato con l’impiego di altre 36 pattuglie delle Forze di Polizia statali, che vigileranno in particolare nelle aree a vocazione turistica della provincia – Costiera Amalfitana e Cilento – allo scopo di prevenire gite fuori porta, riunioni familiari, spostamenti nelle “seconde” case e comportamenti comunque in contrasto con le norme vigenti.

Nel Cilento blindate tutte le località turistiche, una task force imponente per impedire trasgressioni. I sindaci del comprensorio hanno elaborato un piano complessivo concordato con la Questura di Salerno. Numerose le strade che rimarranno chiuse al traffico.