Pontecagnano, la tragedia dei migranti uccisi dalle esalazioni di un braciere

I loro corpi senza vita sono stati ritrovati dalle forze dell’ordine e dai sanitari del 118, allertati nella giornata di ieri da un conoscente che aveva ripetutamente bussato al campanello dell’appartamento in cui alloggiavano le vittime, ubicato sulla litoranea di Pontecagnano. I soccorsi giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il decesso di Georges Simon Adjab e di Suzanne Nicole Nkott, entrambi originari del Camerun, rispettivamente di 38 e 41 anni. I due, nel corso della notte tra Natale e Santo Stefano, tentavano di riscaldare la propria camera da letto e avrebbero trovato la morte proprio a causa delle esalazioni del braciere. Dall’esame esterno dei cadaveri effettuato su ordine della Procura di Salerno, non sono stati rintracciati segni di colluttazione o ferite. L’uomo e la donna, entrambi regolari, sono probabilmente deceduti mentre dormivano.