Pazza Salernitana, tris servito a Livorno

Una pazza Salernitana trova in extremis il blitz a Livorno, conquistando la terza vittoria consecutiva in altrettante partite, ed espugnando la terra toscana dopo oltre 40 anni. Al termine di una gara vibrante, e piena di capovolgimenti da una parte e dall’altra, è Milan Djuric a trovare al 90’ la rete del definitivo 2-3 granata, che permette alla formazione di Gian Piero Ventura di proseguire il percorso netto lontano dall’Arechi. 

Come contro il Chievo, la Salernitana parte con le marce basse, regalando subito il pallino del gioco ai padroni di casa, più pimpanti e coraggiosi dei granata. A sbloccare il match è un gol rocambolesco di Marsura, che chiude una mischia in area di rigore al termine di un’azione iniziata da una gran giocata di Marras. L’attaccante toscano è bravo a sfruttare un’indecisione di Karo che incespica sul pallone portando in vantaggio i suoi al 19’. La Salernitana fatica a proporre azioni degne di note, e la prima azione degna di nota arriva da un cross di Lopez, sul quale si avventa Djuric, ma a portiere battuto è Porcino a salvare sulla linea il gol del pareggio. Il Livorno continua a spingere, e prima Raicevic, poi Boben, mettono i brividi a Micai, incerto in uscita su corner a vantaggio dei padroni di casa. La rete del momentaneo 1-1 giunge pochi secondi prima dell’intervallo, quando Migliorini di testa timbra il primo gol in granata su grande cross di Cicerelli. Prima della zuccata vincente al 46’ era stato Firenze a sfiorare il pari, venendo fermato da un avversario ancora una volta sulla linea di porta.  

Nella ripresa Micai è subito decisivo con un miracolo su Marras, che involatosi in contropiede solitario viene fermato di piede in controtempo dall’estremo difensore avversario. Sul ribaltamento di fronte grandi proteste per una trattenuta ai danni di Djuric, ignorata dall’arbitro Ghersini. Il momento sembra propizio ai granata, con Firenze che sfiora il palo dalla distanza, ma a sorpresa è il Livorno al 57’ a trovare il nuovo vantaggio. La difesa della Salernitana pasticcia ancora, Raicevic in spaccata anticipa Jaroszynski e beffa Micai in uscita, facendo esplodere il Picco. L’esultanza dei toscani dura pochissimi secondi, ma dopo nemmeno 2’ arriva il nuovo pareggio granata, con l’autogol di Di Gennaro, che devia nella propria porta la spizzata di Giannetti sugli sviluppi di un corner. Le due squadre sembrano due pugili che vogliono suonarsele fino al gong dell’ultimo round, ma stavolta è Djuric a regalare il successo in extremis alla Salernitana. Il 2-3 giunge infatti al 90’ inoltrato, quando Lopez disegna un traversone al bacio per l’ariete bosniaco che di testa trafigge Zima facendo esplodere i 500 tifosi giunti al Picchi da Livorno. È festa grande in casa Salernitana, che continua a volare lontano dalle mura amiche. 

IL TABELLINO 

RETI: 19’ pt Marsura (L), 46’ pt Migliorini (S), 12’ st Raicevic (L), 14’ st aut Di Gennaro (S), 46’ st Djuric (S); 

LIVORNO (3-4-3): Zima; Di Gennaro, Bogdan, Boben; Del Prato, Luci (21’ st D’Angelo), Agazzi, Porcino; Marras (26’ st Stoian), Raicevic (30’ st Braken), Marsura. A disp. Ricci, Gasbarro, Murilo, Morelli, Rizzo, Gonnelli, Morganella, Mazzeo, Plizzari. All. Breda

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Cicerelli (48’ st Kalombo), Maistro, Di Tacchio, Firenze (25’ st Odjer), Lopez; Djuric, Giannetti. A disp. Vannucchi, Cerci, Gondo, Odjer, Pinto, Dziczek. All. Ventura

ARBITRO: Davide Ghersini di Genova (Rossi/Schirru). IV uomo: Giuseppe Collu di Cagliari.

NOTE. Ammoniti: Luci, Agazzi (L), Firenze, Jaroszynki, Djuric (S); Angoli: 8-3; Recupero: 2’ pt – 7’ st;