Pazza Salernitana, 3-2 al Crotone in extremis: Jallow contro la Curva

Successo tra i fischi. La Salernitana ritrova un successo che mancava da un mese e mezzo, battendo 3-2 il Crotone al termine di una partita dai mille risvolti e decisa dai calci piazzati, nel bene e nel male determinanti per il successo dell’ippocampo. La Salernitana prova a partire forte nei primi minuti, con Gondo che prima trova una rete, annullata per fuorigioco, e poi una traversa di testa. E’ solo una breve illusione però, perché al primo squillo il Crotone trova il vantaggio. E’ il 13′, quando Golemic, su uscita a vuoto di Micai sugli sviluppi di un corner, appoggia in rete a porta vuota. Scende il gelo sull’Arechi (appena 5mila gli spettatori sugli spalti dell’Arechi, anche se molti abbonati sono rimasti a casa).

La formazione di Gian Piero Ventura prova a reagire, sfiorando il pari sulla punizione conquistata dallo stesso Gondo, che subisce il fallo da ultimo uomo di Golemic, protagonista dai due volti in casa Crotone, in virtù del cartellino rosso che regala ai granata il vantaggio di un uomo. Prima dell’intervallo è una serpentina di Lombardi a mettere i brividi a Cordaz. L’ex Lazio dalla destra si accentra e lascia partire un sinistro potente che chiama l’esperto portiere al gran intervento.

Nella ripresa Ventura, uscito tra i fischi dei tifosi così come il resto della squadra, schiera l’artiglieria pesante, inserendo Jallow e Kiyine per Cicerelli e Di Tacchio, giocandosi il tutto per tutto. A sfiorare il gol è però il Crotone, che manca il bis per una questione di centimetri, con Crociata che a tu per con Micai, manda clamorosamente a lato. La scossa arriva però da calcio piazzato, con Dziczek che indovina un cross la cui spizzata di Karo arriva sui piedi di Jallow, che a tu per tu con Cordaz deve solo appoggiare in rete. Forte del pari la Salernitana trova coraggio, e momentaneo vantaggio. Ancora il regista polacco disegna una traiettoria che Gondo di testa gira in rete, per il primo gol in serie B con la maglia granata. La formazione di Ventura, che inserisce Odjer per Akpa, prova a gestire il risultato, sfiorando anche il tris. La beffa arriva però al 40′ della ripresa, quando su calcio piazzato a sfavore, stavolta,  è il Crotone a pungere. Palla dentro di Gomelt, è Jaroszynski con una capocciata all’indietro beffa Micai. Aleggia il malumore su un Arechi gelido, che sognava almeno il ritorno ai tre punti, che arrivano quasi allo scadere dei cinque minuti di recupero assegnati dall’arbitro. Ancora una volta su punizione, questa volta di Kiyine, Gondo va in cielo e trova il 3-2 che vale la doppietta personale e il pesantissimo successo della Salernitana, uscita però tra i fischi della Curva Sud, specie per Jallow, autore di un siparietto polemico e plateale contro i tifosi. Che almeno si godono tre punti importanti in un periodo molto delicato.

SALERNITANA-CROTONE 3-2

RETI: 14’ pt Golemic (C), 19’ st Jallow (S), 29’ st e 49’ st Gondo (S), 41’ st aut Jaroszynski (C);

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Lombardi, Akpa Akpro (37’ st Odjer), Dziczek, Di Tacchio (18’st Kiyine), Cicerelli (11’ st Jallow); Djuric, Gondo. A disp. Vannucchi, Billong, Lopez, Firenze, Kiyine, Kalombo, Pinto. All. Ventura

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Golemic, Marrone, Gigliotti; Mustacchio (34’ pt Cuomo), Messias, Barberis, Crociata (32’ st Gomelt), Molina; Nalini (10’ st Mazzotta), Simy. A disp. Festa, Curado, Spolli, Vido, Bellodi, Itrak, Rodio, Evan’s, Rutten. All. Stroppa.

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna (Rossi/Fiore). IV uomo: Marco Ricci di Firenze

NOTE. Ammoniti: Lombardi, Di Tacchio, Jaroszynski (S), Mustacchio, Simy, Barberis (C); Espulso Golemic (C) al 29’ pt per fallo da ultimo uomo; Angoli: 7-6; Recupero: 2’ pt – 5’ st; Spettatori: 5019 di cui 82 da Crotone