Manifesto per il Mezzogiorno, Conte e Provenzano in arrivo nel Cilento

Indici di spopolamento che significano l’abbandono dei presidi minimi e indispensabili per la cura e la gestione del territorio. Un’estinzione demografica talvolta legata alla dispersione di un patrimonio culturale e identitario secolare. Sono i temi alla base del “Manifesto del Mezzogiorno”, firmato da oltre 100 i sindaci e che prevede un grande progetto di salvataggio e rilancio delle aree interne del meridione d’Italia. Concepito dalla Fondazione Grande Lucania Onlus, presieduta dal senatore del M5s Francesco Castiello, verrà sottoposto al premier Giuseppe Conte e al Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Peppe Provenzano al fine di trovare soluzioni condivise per il contrasto allo spopolamento. La loro visita in alcuni centri cilentani, tra cui Vallo della Lucania, è prevista entro la fine del mese. Due le date possibili: venerdì 29 o sabato 30, come riferisce il quotidiano “La Città di Salerno”.

Il senatore Castiello confida di trovare una sponda nella sensibilità del ministro Provenzano, già vicedirettore dello Svimez e da sempre impegnato a favore delle politiche di coesione nazionale. Un’attenzione particolare verrà rivolta ai giovani e all’esodo di massa che, giorno dopo giorno, pregiudica il futuro di intere comunità. Una destrutturazione demografica in atto da tempo, e che ha subito un’accelerata negli ultimi dieci anni. Tendenza solo apparentemente inarrestabile, a cui non ci si può rassegnare.