In Campania didattica in presenza fino alla seconda classe della Primaria. Valle dell’Irno, scuole chiuse fino al 7 gennaio

A seguito della riunione dell’Unità di Crisi, e sulla base della relazione tecnica che ha tenuto conto anche dei risultati dello screening sulla popolazione scolastica che è proseguito anche la scorsa settimana, la Regione Campania consentirà, tramite un’ordinanza, a partire dal 9 dicembre 2020, l’attività didattica in presenza dalla scuola dei servizi educativi dell’infanzia fino alla seconda classe della Primaria. Per tutte le altre classi della Primaria e della Secondaria di primo e secondo grado, prosegue la didattica a distanza.

Il coordinamento dei Sindaci della Valle dell’Irno, riunitosi presso il Comune di Baronissi, ha deciso la proroga della sospensione in presenza delle scuole di ogni ordine e grado fino al 22 dicembre. All’incontro erano presenti i sindaci di Baronissi Gianfranco Valiante, di Bracigliano Antonio Rescigno, di Calvanico Francesco Gismondi, di Fisciano Vincenzo Sessa, di Mercato San Severino Antonio Somma e di Pellezzano Francesco Morra. Presente in videoconferenza il sindaco di Siano Giorgio Marchese. Al momento sono 1020 i casi di contagio su tutto il territorio della Valle dell’Irno e quasi il triplo le persone poste in quarantena dall’Asl. I Sindaci, verificati i dati epidemiologici e considerato che molti studenti sono iscritti in istituti di comuni vicini, hanno disposto in via precauzionale la sospensione dell’attività didattica in presenza, con certezza che a far data dal prossimo 7 gennaio la scuola riprenderà regolarmente.

Tornano in aula da mercoledì 9 dicembre a Salerno nidi, scuole dell’infanzia prime elementari. La decisione è stata assunta alla verifica dell’esito dell’attività di monitoraggio condotta dall’ASL (proseguita nelle more dell’ulteriore sospensione dal 24.11 al 7.12 disposta con ordinanza sindacale) e seguita in prima persona dal sindaco e dall’assessore al ramo che ha evidenziato un incoraggiante calo dell’indice di contagio. La situazione, grazie alle restrizioni e limitazioni messe in campo, ha avuto un’evoluzione positiva che consente la riapertura in sicurezza delle classi di questo segmento della popolazione scolastica.