Duplice omicidio di Fratte: confermato l’ergastolo per tutti i responsabili

Confermata la sentenza di primo grado tre imputati accusati del duplice omicidio di Fratte, ovvero dell’agguato mortale ad Antonio Procida ed Angelo Rinaldi.

Nessuno sconto di pena. Condannati all’ergastolo dai giudici della Corte d’Assise d’Appello  Matteo Vaccaro, ritenuto il mandante; Roberto Esposito – che, stando a quanto affermato dalla Dda di Salerno, sarebbe colui che avrebbe premuto il grilletto della pistola ed esploso i tre colpi assassini – e Guido Vaccaro, il figlio del boss, che era alla guida dello scooter sul quale viaggiava il killer.

A quanto pare neanche le lacrime di Roberto Esposito – che proprio un anno fa si rese protagonista di un pestaggio nel carcere di Fuorni e per questo è ora detenuto in un istituto lontano da Salerno – avrebbero convinto i magistrati del collegio giudicante sulla sua innocenza.

I giudici si sono ritirati in camera di consiglio poco dopo le 12 di ieri. Dopo circa quattro ore sono rientrati in aula per la lettura della sentenza. Ora si attendono le motivazioni.