Decluttering: il magico potere del riordino

Ormai se non fosse chiaro a tutti ci sono anche le volanti della polizia municipale a ricordarcelo due volte al giorno con il megafono: “Bisogna stare a casa”. Ok, siamo in quarantena. Va benissimo, è per la salute di tutti, con buona pace dei nonni che continuano a voler uscire, noi rimaniamo tra le nostre carissime quattro mura domestiche. Ok, ma cosa facciamo? Questo tempo lunghissimo come potremmo mai impiegarlo? La soluzione arriva nientepopodimeno che dal Giappone e a suggerircela è Marie Kondo. La Kondo, per chi non lo sapesse, è una guru del riordino che, nel paese del sol levante, è una vera e propria forma di cultura.

Marie Kondo ci si è appassionata fin da bambina e si è specializzata in questa disciplina all’università facendone, poi, una professione: tiene corsi in patria e all’estero e le sue consulenze per trasformare case disordinate in luoghi da sogno sono ormai leggendarie. I suoi libri, “Il magico potere del riordino” e “96 lezioni di felicità”, sono stati tradotti in 38 lingue e hanno venduto oltre otto milioni di copie. E, allora, visto che ci tocca stare a casa perché non renderla un luogo più vivibile, pulito, ordinato? Perché non trasformare la nostra stanza in quella dei nostri sogni? Perché non fare in modo che il luogo in cui abitiamo diventi come lo abbiamo sempre desiderato? Siete pronti? Partiamo.

Prima di iniziare a riordinare c’è una fase preparatoria da eseguire, dolorosa ma necessaria: buttare via. Si deve mirare ad eliminare il superfluo che siano suppellettili, carte o vestiti. “Non fatevi neanche sfiorare dall’idea di iniziare a sistemare gli oggetti prima di aver terminato di buttare via ciò che dovete eliminare” ammonisce Marie, perentoria. Ci suggerisce anche il criterio per scegliere cosa buttar via e cosa tenere: selezionate ciò che vi regala un’emozione. “L’attimo in cui toccherete quella cosa, capirete se vi fa battere il cuore oppure no” afferma la Kondo. Bisogna esaminare una categoria per volta. Attenzione: se cominciate dai ricordi siete destinati a fallire! L’ordine da seguire è questo: prima i vestiti, poi i libri, le carte, gli oggetti misti e in ultimo i ricordi.

Per il vestiario Marie Kondo suggerisce di tirare fuori tutti gli indumenti dall’armadio e radunarli sul pavimento. Dopo aver selezionato cosa tenere e cosa invece regalare magari ai più bisognosi si passa all’organizzazione del vestiario: “risolvete i vostri problemi di spazio piegando i vestiti” ci consiglia Marie che aggiunge: “Metterete a sinistra i vestiti pesanti e a destra i vestiti leggeri. Da sinistra appenderete i cappotti, gli abiti, le giacche, i pantaloni, le gonne e le camicette”. Per i libri vale lo stesso metodo: disponeteli tutti sul pavimento. Collocate a portata di mano i vostri libri preferiti, quelli che “entrano di diritto nel vostro olimpo personale”. Per quanto concerne carte e cartuscelle varie la regola d’oro sarebbe questa: buttare via tutto. Le tre categorie in cui possiamo suddividere le carte sono: “in uso”, “necessarie per un periodo limitato” e “da conservare a tempo indeterminato”. Il resto va dritto nel cestino. Gli oggetti misti non andrebbero “conservati per inerzia ma solo se vi piacciono davvero”. Anche qui vale, dunque, la regola dell’emozione. Non affrettatevi a organizzare le cose se prima non avete finito di buttare ciò che non serve. Quando inizierete a mettere in ordine gli oggetti ricordate che “più ve ne prenderete cura, più saranno dalla vostra parte” e contribuiranno a portare gioia nella vostra vita.

Nel libro di Marie Kondo ci sono varie testimonianze di chi, dopo aver riordinato la propria stanza, è riuscito a scoprire ciò che desiderava fare davvero nella vita! Il riordino aiuterebbe anche ad acquistare maggiore fiducia in sé stessi e vi sarà utile per capire che potete fare a meno delle cose, degli oggetti materiali che vi circondano (certo, non di tutti!). Lo spazio in cui viviamo, d’altronde, influenza anche il nostro corpo. Si dice addirittura che pulire porti fortuna! Sicuramente può aiutarci a distinguere le cose davvero importanti da quelle che sono superflue e passare la nostra vita circondati da cose che ci piacciono riesce a renderci decisamente più felici. Secondo Marie Kondo la vita vera comincia dopo aver riordinato: siete pronti a iniziare la vostra? Che il magico potere del riordino sia con voi!