Contagi al Ruggi, chiuso reparto ginecologia. Al collasso Covid Hospital di Scafati

Dopo aver riscontrato la positività di alcuni medici e del personale impiegato nel reparto di ginecologia del Ruggi D’Aragona di Salerno, altri sanitari sono risultati positivi al Covid-19 nella stessa struttura. Per il reparto di ginecologia è stata subito disposta la chiusa e predisposta la sanificazione. La preoccupazione è che i ricorrenti contagi tra gli operatori possano mettere in ginocchio le attività della struttura. “Bisogna individuare le eventuali falle nell’organizzazione, affinché si eviti il ripetersi di certi eventi. Il personale va tutelato in ogni modo e vanno effettuati tamponi settimanali agli operatori”, spiega Antonio Capezzuto, segretario generale della Fp Cgil di Salerno.

“Se non sia adeguano gli organici e non si garantiscono i percorsi allora nessun argine è possibile poiché non esistono i filtri. Al Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero di Scafati ci sono tre infermieri a turno e tutti i pazienti sono in ventilazione meccanica forzata, non sedati e quindi di non facile assistenza in quanto non sopportano le mascherine e tentano di continuo di rimuoverle desaturando, per la qual cosa si richiede un intervento costante ed immediato degli operatori sanitari, per non pregiudicare lo stato di salute precario dell’utente”. E’ quanto denunciato dalla Cisl Funzione Pubblica, che ha segnalato l’inadeguato fabbisogno giornaliero del personale ausiliario. “La ASL mostrando di non comprendere ancora il fenomeno ha potenziato con un solo ausiliario della logistica, consapevole che non esistono operatori socio sanitari nel servizio per cui sono gli infermieri a fare da barellieri, dovendo abbandonare i pazienti durante i trasporti”.

Attualmente presso l’ospedale vi sono 16 pazienti in Bronco Pneumologia, 16 in isolamento, 19 in Malattie Infettive, di cui 9 ventilati permanentemente, 4 in Pronto Soccorso in attesa di ricovero nei reparti, 4 in rianimazione e i 4 posti riservati ai dializzati sono occupati di continuo sia per i pazienti che provengono dall’ospedale di Nocera sia da tutto il territorio. “Il tutto senza personale adeguato. In Malattie Infettive sono in servizio 13 infermieri su 22 a fronte di un organico stimato di 27 con 5 OSS, in Isolamento Covid sono previsti 16 infermieri ma ne operano solo 9 su un organico di 17 con 1 solo OSS, in Bronco Pneumologia 21 infermieri invece dei 27 occorrenti con 5 OSS e in Dialisi 8 su 10 senza OSS. Mancano infermieri ma soprattutto OSS e si sarebbe potuto ovviare nell’immediato potenziando l’ausiliariato garantendo 2 unità sul turno di notte, ma ovviamente si preferisce sovraccaricare e demansionare gli operatori sanitari, mostrando che in un momento di crisi è sempre il denaro a fare la differenza e che a quanto sembra vale più della vita umana. Nel complessivo mancano oltre agli infermieri almeno 30 operatori socio sanitari”.