Comunicare ai tempi del Coronavirus: l’idea di momò social

L’idea di Marina Corrente e Nadia Castiello, due giovani imprenditrici digitali salernitane, nasce, prima di tutto, dalla voglia di collaborare e di alimentare – anche nell’ambito di una situazione emergenziale come quella che stiamo vivendo – il senso di comunità.

Il concetto di comunità, dunque, prima di quello di community. Un modo personale per dare il proprio contributo alle aziende che, in questo periodo, stanno affrontando con difficoltà la crisi provocata dal Coronavirus.

L’iniziativa prende il nome, anzi il claim, di “Trasformiamo l’emergenza in occasione” e prevede, per tutto il mese di marzo, consulenze gratuite telefoniche o via skype (della durata di 45 minuti) a piccole e medie imprese in difficoltà. Gli obiettivi sono quelli di aiutare le aziende a gestire l’emergenza Coronavirus all’interno della loro comunicazione aziendale, indicare l’eventuale nuovo obiettivo di marketing in questa delicata fase e fornire consigli su come gestire i canali social.

Tutto questo Marina e Nadia lo fanno attraverso la loro agenzia di comunicazione momò social, nata da pochissimo, in cui ricoprono – rispettivamente – i ruoli di social media manager e social media strategist e advertiser.

“Il nostro obiettivo è lanciare un messaggio di fiducia e renderci utili in questi giorni delicati – questo è ciò che si legge dal post social lanciato proprio questa mattina da momò social – È un’opportunità che speriamo raggiunga più persone possibile, ecco perché ti chiediamo di condividere questo post affinché diventi Vir… ops… che si diffonda molto!”

E ancora: “un momento così, difficile e di crisi, lo è per tutti – dice Marina – ma è anche un momento per creare e crearsi nuove opportunità!”

Sì, è un momento difficile quello che stiamo vivendo sia dal punto di vista sanitario che da quello economico. E, fortunatamente, sono tanti i professionisti e le istituzioni che, in questi mesi, stanno cercando di offrire una mano alle aziende e ai cittadini in difficoltà.

Consulenze e formazione gratuita, ma anche semplice intrattenimento sono alcune delle idee collaterali che rendono possibile, ogni giorno, trasformare una situazione di emergenza in un’opportunità e un’occasione di costruzione.