Ci possiamo definire resilienti?

Il periodo a cui stiamo facendo fronte è determinato da forte stress a causa dei cambiamenti, delle incertezze, a causa della mancanza di sicurezza ed anche dei rapporti in casa, spesso conflittuali.

Ma quanti di voi nonostante le difficoltà, stanno riuscendo ad essere positivi ed essere resilienti? E quanti di voi invece si sentono bloccate da questo periodo difficile, senza riuscire ad andare avanti?

Gli individui dotati di resilienza sono coloro in grado di trarre vantaggio dalle informazioni ricavate dalle emozioni negative. C’è chi riesce ad essere maggiormente flessibile e chi si adatta rispetto alle circostanze che mutano.

Ma cosa significa RESILIENZA?

Nell’ambito della fisica la resilienza è capacità di un materiale di resistere a un urto improvviso e di sopportare sforzi applicati bruscamente senza spezzarsi e senza propagare incrinature.

In psicologia, la resilienza è la capacità di resistere, fronteggiare e riorganizzare positivamente la propria vita dopo aver subito un evento negativo.

“Insieme di processi che facilitano un adattamento efficace e promuovono lo sviluppo della persona anche in contesti di vita altamente stressanti.” (Roisman, 2005)

L’individuo di fronte agli eventi negativi non reagisce inconsapevolmente ma decide di ricostruire, riorganizzare e resistere.

Quindi, riesce ad acquisire competenze utili per migliorare la propria qualità della vita, proseguendo nel proprio percorso di realizzazione.

Ma come si sviluppa la resilienza?

  • Essere ottimisti, trovando il lato buono delle cose, sminuendo le difficoltà e riuscendo a trovare soluzione ai problemi.
  • Avere una maggiore autostima che permetterà di essere meno autocritici, avere minore dolore e tolleranza evitando di sviluppare emozioni negative.
  • Sapere gestire le proprie emozioni, soprattutto quelle negative e trasformarle in emozioni positive dando importanza a ciò che abbiamo.
  • Possedere relazioni  che siano un sostegno e un supporto, ci consentirà di sentirci meno soli e più forti ed incoraggiati. Ciò ci permetterà di ritrovare la speranza anche se perduta.
  • Spostare i propri obiettivi  e sviluppare quelli più realistici nonostante le situazioni avverse.
  • Cercare  opportunità che ci aiutino nella scoperta di noi stessi nutrendo un’ immagine positiva.

Consideriamo questo periodo difficile come un’opportunità, come una sfida che ci permetterá di impegnare le nostre risorse.

E voi quale risorse state mobilitando per essere delle persone resilienti? Vi lascio con una frase: ciò che non lo uccide, lo rende più forte. (Friedrich Nietzsche).

Christelle Sammartino – Psicologa

christellesammartino@live.it

https://it.linkedin.com/in/christelle-sammartino-5a1a0313a