Battipaglia, un supermercato sociale con i beni confiscati

In una struttura confiscata alla mafia a Battipaglia nascerà un supermercato sociale che realizzerà interventi educativi e di sensibilizzazione. La Fondazione con il Sud, in collaborazione con la Fondazione Peppino Vismara, ha promosso la ristrutturazione di sette strutture confiscate a organizzazioni di stampo mafioso.

Saranno presto avviate attività economiche sociali nel settore agricolo, turistico e della ristorazione. Il contributo complessivo è di circa 3,2 milioni di Euro, 790 mila messi a disposizione dalla Fondazione Vismara, necessari per avviare nuovi progetti che prevedono modalità e ambiti differenti di valorizzazione dei beni.

Un edificio requisito alla mafia a Casteldeccia diventerà un caffè letterario con area food multietnica che ospiterà chef stellati e giovani immigrati. Una villetta, situata a Casapesenna, diventerà uno spazio multigenerazionale, con percorsi di sostegno alla genitorialità e consulenza a donne svantaggiate. A Reggio Calabria sorgerà un welfare lab con servizi per famiglie, persone svantaggiate e aziende.

Confermati anche tre progetti di agricoltura bio sociale nei terreni confiscati rispettivamente al boss Michele Greco a Polizzi Generosa, a Cerignola e a San Vito dei Normanni.