Turismo e festival, la Regione finanzia 152 eventi sul territorio

152 eventi sparsi sull’intero territorio regionale. 11 milioni di euro cui si somma un milione e duecentomila euro (450mila euro per Napoli, 300mila a Salerno, 200mila a Caserta, 150mila euro a Benevento e Avellino). La Regione Campania ha pubblicato sul Burc, il bollettino ufficiale digitale, la graduatoria degli eventi turistico-culturali che rientrano nei finanziamenti fino al giugno del 2020, dopo il via libera da parte della Direzione generale per le politiche culturali e l’assessorato al Turismo. Ai fini dell’approvazione, gli eventi devono rispettare una serie di requisiti: storicità dell’iniziativa, tradizione, cultura, valori, tipicità del territorio, rilevanza nazionale o internazionale. “Da sempre consideriamo lo sviluppo e la promozione del turismo come obiettivi primari, contribuendo alla crescita civile e culturale delle comunità ospitanti”, dichiarano da Palazzo Santa Lucia, esibendo una certa soddisfazione. L’elenco concilia il potenziamento di luoghi già turistici con la scoperta di realtà emergenti. Trovano così conferma rassegne ormai consolidate come il “Pomigliano Jazz” e lo “Sponz Fest” di Vinicio Capossela a Calitri, gli appuntamenti enogastronomici di Taurasi e Mirabella Eclano, quelli letterari come il Premio Cimitile. Per quanto concerne la provincia di Salerno, balzano all’occhio “Segreti d’autore” a Sessa Cilento, il famigerato “Meeting del Mare” di Camerota e “Positano premia la danza Leonilde Massine”.