Ecco Giannetti, un attaccante per Ventura: profilo tecnico e tattico

L’ardore contradaiolo del ventottenne senese Niccolò Giannetti al servizio della macchina da gol che mister Ventura sta cercando di oliare in vista del quinto torneo di B della gestione Lotito-Mezzaroma. Il ragazzo non può essere considerato l’autentico bomber che guida le torcide pallonare sul sentiero dei sogni, ma è altrettanto vero che le società e le tifoserie che in passato si sono affidate alle sue qualità calcistiche hanno sempre conservato un ottimo ricordo di lui. Professionalità, spirito battagliero e qualità umane recitano un ruolo importante nel suo biglietto da visita. Pertanto, non sorprende che piazze come Cagliari, Siena, Livorno e La Spezia, non proprio le ultime arrivate, gli hanno riservato, unanimamente, lusinghieri messaggi di stima ed affetto. Però Giannetti, seconda punta adattabile anche da prima, sa anche far gol, come testimoniano le 41 reti realizzate nel torneo cadetto. Certo, il neo granata non è la prima punta prolifica (tra i 18 ed i 25 gol) che sognano i tifosi e che una squadra ambiziosa dovrebbe sempre annoverare tra le sue fila, ma l’ex labronico garantirà comunque il suo contributo finalizzativo. Per non gravarlo di eccessive responsabilità, la dirigenza granata farebbe bene a valutare seriamente la possibilità di affiancarlo ad un bomber di razza, di quelli che hanno il gol nel sangue e non steccano mai una stagione. Dal punto di vista tecnico-tattico, Giannetti è un attaccante abbastanza completo. Egli, infatti, sa andare incontro al pallone e giocare con la squadra, è abile a svariate sull’intero fronte offensivo, ama dettare la verticalizzazione improvvisa e, soprattutto, sa farsi sempre trovare pronto nei sedici metri avversari, dove esprime tempismo ed elevazione nel gioco aereo ed un opportunismo sempre intriso di tenacia e voglia di far gol. Insomma, si tratta di un buon acquisto, ma anche di un’operazione che non soddisfa in pieno la piazza, la quale ancora attende il cecchino implacabile che ti conduca per mano verso la vittoria del campionato.