XIII edizione del Premio Best Practices per l’innovazione: “Connettere per innovare”

Si è conclusa ieri la XIII edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione, un evento nato su iniziativa del Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno (con il supporto di Sviluppo Campania e Camera di Commercio di Salerno), volto a promuovere e diffondere la cultura dell’innovazione mediante la presentazione di casi reali realizzati da imprese del settore Servizi.

Grazie al supporto di partner nazionali e internazionali e al successo riscosso dalle edizioni passate, quello che è andato a crearsi è un vero e proprio ecosistema dell’innovazione, soprattutto perché il Premio si è esteso oltre i confini territoriali provinciali divenendo un punto di riferimento nel sistema Confindustriale sia campano che nazionale.

La location che ha ospitato l’evento è stata la Stazione Marittima di Salerno, il tutto è stato articolato in due giornate durante le quali i partecipanti hanno presentato la propria case history ad imprenditori, influenzatori, investitori e sviluppato inoltre relazioni all’interno del “networking” del Premio. Tra le novità di questa XIII edizione c’è stata una sezione dedicata alle Startup e all’Economia del Mare: Ambiente marino e fascia costiera, Biotecnologie blu, Energie rinnovabili dal mare, Risorse abiotiche marine, Cantieristica e robotica marina, Skills & Job, Infrastrutture di ricerca, Sostenibilità e usi economici del mare, con lo scopo di far scoprire un settore ampio con annessi tutti i possibili sbocchi professionali per le nuove generazioni.

La XIII edizione ha visto vincitori Tekno Idea per la sezione aziende e Syenmaint per la sezione startup; Tekno Idea ha vinto la sezione dedicata alle imprese grazie al progetto Control Paint, innovativo sistema che permette di effettuare in linea di produzione il controllo automatico e più veloce dei difetti di verniciatura industriale. Syenmaint è stata premiata per aver sviluppato una soluzione di gestione predittiva della manutenzione, con una chiara visione del mercato potenziale la quale permette di automatizzare il monitoraggio degli interventi, migliorando la qualità degli stessi. Tra le aziende premiate troviamo inoltre Imems technology per l’innovativo utilizzo della tecnologia fpga nello sviluppo, produzione e commercializzazione di sensori inerziali di movimento, Dive circle per lo sviluppo della piattaforma web divecircle, dedicata ai sea lovers e Seares per lo sviluppo di seadamp plus, il dispositivo meccatronico di ormeggio in grado di generare energia dalle onde, per mantenere cariche le batterie del motore alimentando sistemi per la raccolta di dati, a intelligenza distribuita, e di comunicazione IoT.

Connettere per innovare” è lo slogan che racchiude il cuore dell’evento; oggi per creare è importante unire, mischiare, mettere insieme, contaminare per dare vita a conoscenze utili per lo sviluppo personale e imprenditoriale dando un contributo all’intero Paese.

Confindustria Salerno nel corso dell’evento, in collaborazione con SELLALAB Gruppo Banca Sella, Green Generation Hub e l’Università degli Studi di Salerno, ha organizzato l’Hackathon Young Talent, una competizione che ha riunito in gruppi misti e posto in sfida studenti e dottorandi di comunicazione e management d’impresa, informatica, ingegneria informatica e ingegneria gestionale ed economia aziendale con il fine di individuare una giusta soluzione per risolvere challenge aziendali.

Jcoplastic, Marina D’Arechi e Mate Consulting sono le tre le aziende che hanno lanciato la sfida ai giovani studenti dell’Ateneo salernitano i quali hanno messo in atto delle strategie innovative e funzionali tenendo conto di eventuali sprechi di tempo e risorse. L’Hackathon ha visto sul podio il gruppo B-INAPP per l’azienda Jcoplastic, il gruppo Ro-boat per Marina d’Arechi e Smart 360° Health per Mate Consulting.

Il premio Best Practices per l’Innovazione va a premiare i giovani dando loro grandi opportunità di formazione anche solo con il porli in sfida tra di loro, gli stessi che si sono mostrati tenaci e ambiziosi nelle due giornate previste; “Vogliamo i giovani nelle nostre aziende! Viaggio molto e mi confronto con eccellenze del territorio e il Sud non ha nulla da invidiare agli altri” dice Gerardo Gambardella, Presidente Piccola Industria di Confindustria Salerno, incitando i giovani a restare nel proprio territorio e a credere in quest’ultimo, dando fiducia alle aziende che di conseguenza daranno loro fiducia, nonostante l’inefficienza delle strutture infatti, “Il Premio Best Practices nasce a Salerno ed è ora su scala nazionale, è un’idea che ha predisposizione per essere considerato da tutte le imprese del territorio nazionale” dice.