Sicignano-Lagonegro e viabilità nel Cilento, dal governo in arrivo altri 10 milioni

Rendere più efficace la spesa e rispondere alle domande che giungono dal territorio. Sono questi i presupposti del nuovo “Patto per la Campania” firmato ieri dal governatore Vincenzo De Luca e dal Ministro per il Sud e la coesione territoriale Giuseppe Provenzano nel corso dell’incontro tenutosi a Palazzo Santa Lucia. Molteplici i temi affrontati, tutti riguardanti lo sviluppo del territorio. La rimodulazione delle risorse, con l’aggiunta di 10 milioni di euro per la realizzazione di 6 progetti di messa in sicurezza della viabilità stradale in altrettanti piccoli Comuni, al di sotto di 2mila abitanti, favorirà gli investimenti sul turismo, sul riassetto del territorio, sulle bonifiche, sulla viabilità secondaria.

In provincia di Salerno la rimodulazione dei fondi prevede il finanziamento del Progetto di fattibilità della linea ferroviaria “Sicignano-Lagonegro”, per la sua riapertura ai fini turistici dopo la chiusura al traffico ferroviario, sia merci che passeggeri, del 1987. Altre risorse sono destinate ai lavori di completamento della bretella di Massicelle-Montano e alla messa in sicurezza, ripristino e consolidamento a seguito di dissesto delle sponde del vallone nel comune di Centola.

“Il nostro Piano per il Sud – ha dichiarato il ministro Provenzano  – è un piano per l’Italia. Bisogna riaffermare il diritto a restare dei cittadini: i giovani devono essere liberi di andare via ma anche di restare qui avendo delle opportunità. Non faremo investimenti in astratto ma concreti per sopperire alla mancanza di Lavoro qualificato e favorire un contesto con maggiore benessere. In questo, le infrastrutture sociali sono fondamentali”.