Serie B, terzo turno: apre lo Spezia, Venezia-Chievo l’altro derby di giornata

Il terzo turno del torneo cadetto si apre questa sera, inizio ore 21, con l’attesa sfida tra Pordenone e Spezia. Entrambe le squadre sono reduci da due scottanti sconfitte, con i liguri che si affidano all’esplosivo tridente offensivo (Ricci-Galabinov-Ragusa) fuoriuscito dal mercato ed i friulani, a lungo dominanti a Pescara prima di crollare nel finale, convinti della qualità del lavoro tecnico-tattico che stanno portando avanti. Il Perugia cercherà il suo terzo successo consecutivo contro la Juve Stabia, in una gara che sembra segnata sulla carta. Oddo è pronto a gettare nella mischia gli scalpitanti Falcinelli e Balic, un lusso per queste latitudini. La Juve Stabia, ancora ferma al palo, proverà a non interpretare il ruolo di vittima sacrificale, affidandosi al centravanti Forte prelevato dal Beveren ed alla carica emotiva illustrata in settimana dal ruvido difensore Tonucci. Situazioni psicologiche differenti faranno da sfondo al match tra Ascoli e Livorno. I marchigiani sono partiti bene ed hanno scoperto le carte con il centravanti Ardemagni, il quale ha candidamente ammesso l’obiettivo play off. Squadra bianconera che potrà contare anche sull’estroso brasiliano Alcantara e sulla sagacia tattica del sempreverde Padoin. I labronici, dal loro canto, giungeranno al Del Duca parzialmente rinfrancati dal mercato in entrata, anche se dovrebbe esordire il solo Brignola, mentre per Viviani e Marras restano alcuni step da affrontare per migliorare la condizione atletica.Il Cittadella, sorpresa negativa in quest’inizio di stagione, sì affida alle carismatiche parole di capitan Iori per battere il Trapani ed uscire dalla crisi che l’attanaglia. L’esperto centrocampista ha parlato di fame da ritrovare, di fiducia nei propri mezzi e di lavoro sul campo da anteporre ad inutili chiacchiere. Il Trapani, invece, ha speso la settimana a spargere ottimismo e determinazione con il presidente Heller, anche se la promozione a team manager di Ignazio Arcoleo, ex trainer dei siciliani, sembra quasi un campanellino d’allarme per mister Baldini. L‘euforico Entella, che in settimana ha trovato il modo di far giungere a Papa Francesco la maglia numero nove, è fermamente convinto di poter continuare a stupire con il suo impianto di gioco collaudato. I chiavaresi incroceranno i fioretti con il forte e motivato Frosinone di Nesta, che draga ancora il mercato degli svincolati di lusso per reperire un esterno offensivo che regali un ulteriore salto di qualità. Progetti ‘bellicosi’ anche per Cosenza e Pescara. I calabresi si esibiranno ancora al San Vito-Marulla e, scossi positivamente dall’arrivo della punta Emmanuele Riviere (una sessantina di gol tra Premier, Liga e serie A francese), proveranno a dimenticare il tonfo interno contro la Salernitana. Gli abruzzesi, che attraverso le parole del dg Repetto hanno condannato il mercato eccessivamente dispendioso effettuato da alcune compagini cadette, sono convinti di poter comunque recitare da protagonisti in ottica spareggi promozione. Crotone ed Empoli daranno vita ad uno dei due big match di giornata. Gli uomini di Bucchi, in viaggio per la seconda volta consecutiva, cercheranno di far fruttare la coesione e le motivazioni del gruppo, aspetti curati meticolosamente dall’ex tecnico del Benevento. Però il Crotone è tutt’altra squadra rispetto a quella apatica e presuntuosa vista all’opera nella stagione scorsa. Il presidente Vrenna ha suonato la carica, immediatamente recepita dai neo rossoblù (Vido, Mustacchio e Mazzotta) presentati in settimana.Contesa ricca di contenuti è anche la sfida che vedrà opposti Pisa e Cremonese. I nerazzurri, ringalluzziti dagli inattesi quattro punti conquistati nelle prime due giornate, saranno sospinti da uno stadio ricco di entusiasmo e da un’organizzazione tattica improntata sul giusto mix tra lavoro collettivo e giocata del singolo. Test probante per i toscani, che dovranno vedersela con la motivata e competitiva truppa di Rastelli, il quale calerà il tris d’assi (Bianchetti, Valzania e Ceravolo) per riscattare l’inatteso stop interno con l’Entella e riproporsi come una delle principali favorite nella corsa verso la massima serie. Derby che promette scintille è quello a cui daranno vita il Venezia di Bocalon ed i cugini regionali del Chievo Verona. Due compagini che, frenate da rendimenti altalenanti e rivisitazioni costanti degli organici, non riescono ancora a palesare i loro reali propositi stagionali. Il Venezia visto all’opera a Trapani ha fatto un’ottima impressione, mentre i gialloblu di Marcolini sono sulle tracce di un esterno (Biabiany?) che li renda ancora più minacciosi in chiave promozione.Il secondo big match di giornata andrà in scena, lunedì sera in posticipo, allo stadio Arechi di Salerno. Salernitana e Benevento sono due squadre che stanno attraversando un ottimo periodo di forma, anche se Ventura ed Inzaghi giocano a nascondino parlando soprattutto delle ambizioni dei rivali. Pubblico delle grandi occasioni, qualche importante defezione su entrambi i fronti e possibile esordio di Cerci in maglia granata. La degna conclusione di una giornata destinata a confermare le certezze su una serie B decisamente avvincente.

TERZA GIORNATA CAMPIONATO SERIE B

Venerdì 21.00 Pordenone-Spezia Arbitro: Robilotta

Sabato 15.00 Ascoli-Livorno Arbitro: Rapuano

Sabato 15.00 Cittadella-Trapani Arbitro: Fourneau

Sabato 15.00 Perugia-Juve Stabia Arbitro: Prontera

Sabato 15.00 Entella-Frosinone Arbitro: Maggioni

Sabato 18.00 Venezia-Chievo Arbitro: Ros

Domenica 15.00 Cosenza-Pescara Arbitro: Illuzzi

Domenica 15.00 Crotone-Empoli Arbitro: Pezzuto

Domenica 21.00 Pisa-Cremonese Arbitro: Sozza

Lunedì 21.00 Salernitana-Benevento Arbitro: Abbattista