Recensione: LE SIGNORE IN NERO di MADELEINE ST JOHN


Pubblicato per la prima volta nel 1993, “Le signore in nero è l’opera d’esordio di Madeleine St John, prima donna australiana ad essere candidata al Man Booker Prize. Garzanti pubblica le sue opere, in Italia, a tredici anni dalla morte della scrittrice.

Sii più intelligente che puoi, è la cosa migliore che tu possa fare”

Sydney 1950, Goode’s non sono solo i grandi magazzini della città, per quattro donne sono un’occasione di indipendenza.

Lesley, Patty, Fay e Magda si destreggiano tra abiti d’alta moda e un po’ meno tra gli ostacoli della vita, sono donne forti, diverse ma ricche di personalità e carattere.

Lesley, appena dopo il diploma, comincia il suo lavoro stagionale da Goode’s, è decisa a cambiare vita, ad affermare la sua identità partendo dal suo nuovo nome: Lisa.

Patty, commessa del reparto abiti da cocktail, è una donna che vede nel lavoro una via d’uscita dalla sua vita monotona in compagnia di suo marito, Frank.

Fay, sempre in ritardo e sempre più sconsolata, sente che la sua vita le sta scivolando via dalle mani.

E poi c’è Magda, responsabile del reparto abiti esclusivi, giunta dalla lontana Slovenia in Australia, con non poca fatica, sposata ma molto indipendente.

“Magda era una continentale, ecco il problema, un’europea, cosa che loro erano ben contente di non essere. Almeno Mrs Williams lo era senza farne mistero <<Santo cielo>>, esclamò <<Non potrei sopportare di andarmene in giro conciata così.>>” Miss Jacobs sembrava indignata più del solito, quasi offesa, come se avesse appena visto un ragno nella sua tazza di tè. Fay Baines la trovava disgustosa, veramente disgustosa, il suo modo di camminare e tutto il resto, ma a casa, davanti allo specchio, si chiedeva con interesse che tipo di trucco usava e come se lo applicava, perché Magda doveva avere quarant’anni se non di più –bisognava concederglielo- era strepitosa. Sì, bisognava concederglielo. “

Le signore in nero è un romanzo ironico che ci spinge alla riflessione su molti aspetti dell’essere donna. La voce di Madeleine St John spicca chiara e limpida, delinea ogni aspetto delle quattro donne e ne sottolinea ogni debolezza, come a volerle trasformare in un punto di forza, in un periodo storico in bilico tra pregiudizi, tradizioni del passato e voglia di innovazione e cambiamento. Pagina dopo pagina senti salire la voglia di non arrendersi mai, accompagnata dalla consapevolezza che ognuno di noi, nel nostro piccolo, può cambiare il mondo.

TITOLO  Le signore in nero

AUTORE Madeleine St John

EDITRICE Garzanti,2019

PREZZO 16,00 euro