Pagani, decade definitivamente l’incandidabile Gambino

Alberico Gambino, esponente del centrodestra paganese, che nel corso della tornata elettorale dello scorso giugno aveva battuto al ballottaggio lo sfidante Salvatore Bottone del centrosinistra, decade definitivamente da sindaco di Pagani. A decretarlo, il Tribunale Civile di Nocera Inferiore che ha accolto integralmente il ricorso della Prefettura di Salerno avverso l’elezione di Alberico Gambino a sindaco di Pagani. Secondo il Tribunale, alla data dell’11 giugno 2019, quando fu sancita l’incandidabilità di Gambino, le operazioni elettorali non erano ancora concluse. L’annullamento della nomina della giunta e del sindaco, era arrivata dopo il respingimento da parte della Cassazione del ricorso presentato da Gambino contro il verdetto della Corte d’Appello di Salerno che aveva confermato la sua incandidabilità in seguito alla vicenda dello scioglimento del Consiglio per infiltrazioni camorristiche. La documentazione del ministero degli Interni era stata recapitata al segretario comunale paganese, che ha provveduto a notificare l’atto al neo sindaco, alla decaduta giunta e agli altri organi territoriali. Appare incerto, per ora, il futuro amministrativo della città.